Basta guerre "umanitarie". Nessun intervento militare in Libia

La Libia vive giorni drammatici.
Sia le forze popolari, che l'apparato di potere, appaiono divisi lungo linee geografiche e tribali in battaglia fra loro.
Il rischio è che i paesi occidentali strumentalizzino questo contesto, già di per se foriero di lutti e sofferenze, per giustificare l'ennesimo intervento militare.
L' Iraq e l' Afghanistan mostrano ogni giorno, in modo inequivocabile, come i cosiddetti "interventi umanitari" siano in realtà tappe di un progetto strategico finalizzato al controllo delle risorse (soprattutto energetiche).
Si tratta di vere e proprie guerre sanguinose, che il nostro Paese combatte in violazione della Costituzione e della volontà popolare, e che hanno portato ulteriori sofferenze a popolazioni già provate.
Non facciamoci coinvolgere in un altro intervento militare.
Non partecipiamo all'ennesima guerra illegale, e dalle conseguenze irreparabili. [Read english version]

- Maurizio Pallante (Fondatore del Movimento Decrescita Felice e Portavoce di "Uniti e Diversi")
- Giulietto Chiesa (Presidente del Laboratorio politico "Alternativa")
- Monia Benini (Presidente de "Per il Bene Comune")
- Massimo Fini (Fondatore del Movimento Zero)
- la Rete Provinciale Torinese dei Movimenti e Liste di Cittadinanza

http://www.unitiediversi.itinfo@unitiediversi.it

 


Progetto politico "UNITI E DIVERSI"    Contact the author of the petition

Your email address will not be published on our site. However, the author of the petition will see all the information you provide on this form.

You will receive an email with a link to confirm your signature. Please check your inbox (and spam folder).
Facebook